L’OSTEOPATIA E IL SISTEMA VISCERALE

Molte persone associano la pratica osteopatica a disfunzioni del sistema muscolo-scheletrico e non prendono in considerazione anche la componente viscerale.

Per sistema viscerale si intendono gli organi membrane soffici. Sono dotati di superfici scivolose, sono “ancorate” alle pareti delle cavità corporali e alla colonna vertebrale tramite i legamenti.

Gli organi interni devono permettere al tronco di inchinarsi e girarsi e al diaframma di muoversi durante la respirazione. Se i loro movimenti non sono adeguati le viscere potranno creare rigidità  e possibili dolori riferiti

Un esempio ne è la postura. Quando ci si rende conto che si fa fatica a mantenere una posizione eretta è bene iniziare a pensare che il nostro fisico subisce delle tensioni.

“Il corpo aderisce alla lesione “.

Le viscere possono subire delle alterazioni dopo una chirurgia o dopo infezioni da batteri o virus, anche solo una polmonite può danneggiare gli organi e le membrane a livello cellulare.

L’Osteopata è in grado di individuare quali aree sono maggiormente vulnerabili attraverso l’esame posturale,lavalutazione palpatoria dell’area interessata, l’anamnesi ecc.

Il fine ultimo dell’Osteopatia è di migliorare le funzionalità e potenzialità di utoguarigione/autoregolazione del corpo del paziente e mai di forzarlo.

Ignorare questa zona nel trattamento osteopatico significa ignorare una parte centrale dell’organo di sostegno.

 

tecniche-viscerali-milano-osteopata

UNA DIMOSTRAZIONE CONCRETA DELL’EFFICACIA DEL TRATTAMENTO OSTEOPATICO VISCERALE

 

Sono stati condotti degli studi su pazienti affetti da lombalgia per capire il progresso del trattamento con e senza manipolazioni viscerali.

Lo studio è stato progettato con un semplice metodo di randomizzazione a blocchi.

Trentanove pazienti con LBP cronica non specifica sono stati inclusi nello studio.

Il gruppo OMT (trattamento osteopatico manipolativo) consisteva di 19 pazienti a cui sono stati applicati OMT e metodi di esercizio.

Il gruppo di terapia manuale osteopatica viscerale (VOMT) consisteva di 20 pazienti a cui venivano applicate applicazioni viscerali in aggiunta alle applicazioni eseguite nell’altro gruppo.

Dieci sessioni sono state eseguite per un periodo di due settimane.

Le valutazioni del dolore (VAS), della funzione (Indice Oswestry) e della QoL (SF-36) sono state eseguite prima del trattamento e nella sesta settimana di trattamento.

Entrambi i trattamenti sono risultati efficaci sul dolore e sulla funzionalità, funzione fisica, dolore, salute generale, funzione sociale del sottomenico QoL.

VOMT era efficace su tutti i parametri sub-QoL (p <0,05).

Confrontando i gruppi, è stato determinato che l’energia e le limitazioni fisiche dei punteggi della QoL in VOMT erano più alti (p <0,05).

Le applicazioni viscerali su pazienti con LBP non specifico hanno dato risultati positivi insieme all’OMT e ai metodi di esercizio.

Riteniamo che i limiti viscerali del fascio, che riteniamo causino limitazioni e dolore nel segmento lombare, dovrebbero essere presi in considerazione.

Le applicazioni viscerali su pazienti con LBP non specifico hanno dato risultati positivi insieme all’OMT e ai metodi di esercizio.

 

BIBLIOGRAFIA:

  • L’effetto delle applicazioni di terapia manuale osteopatica viscerale sul dolore, sulla qualità della vita e sulla funzione nei pazienti con lombalgia cronica non specifica, Tamer, Seval,  Öz, Müzeyyen, Ülger, Özlem, Journal of Back and Musculoskeletal Rehabilitation , vol. 30, no. 3, pp. 419-425, 2017, 5 maggio 2017
By | 2019-05-13T17:59:35+00:00 Aprile 1st, 2019|osteopatia|0 Comments

Leave A Comment