Il capogiro è un sintomo non specifico che si verifica più o meno spesso in alcuni soggetti.

Può essere diagnosticato come debolezza, instabilità, percezione della rotazione e disorientamento.

I meccanismi che producono questi sintomi sono molteplici e possono coinvolgere diversi sistemi di organi. Non  è raro che i pazienti che soffrono di capogiri abbiano più di una diagnosi.

Le capogiri sono comunemente osservate nei pazienti con colpo di frusta, che colpiscono il 20-58% dei soggetti con lesioni da estensione della flessione .

TIPOLOGIE DI VERTIGINI

Un tipo specifico di vertigini è il capogiro cervicogenico.

Il disturbo fu descritto per la prima volta come “vertigine cervicale” da Ryan e Cope nel 1955 .

Altri termini usati per lo stesso disturbo sono vertigini propriocettive, vertigini cervicogeniche e capogiri cervicali .

Diverse osservazioni hanno portato alla proposta di un meccanismo patofisiologico plausibile.

I muscoli intervertebrali profondi nella colonna cervicale possiedono un’alta densità di fusi muscolari e si presume svolgano un ruolo importante nel controllo posturale.

Le afferenze cervicali sono note per essere coinvolte nel riflesso cervico-colico, nel riflesso cervico-oculare e nel riflesso del collo tonico, che agiscono in combinazione con altri riflessi influenzati dai sistemi visivi e vestibolari per stabilizzare la testa, gli occhi e la postura.

L’input vestibolare e propriocettivo viene combinato linearmente per calcolare coordinate egocentriche centrate sul corpo .

RIMEDI OSTEOPATICI PER LE VERTIGINI

Diversi autori hanno dimostrato che le iniezioni di anestetico alle radici del nervo dorsale cervicale superiore possono provocare vertigini e nistagmo, così come la stimolazione elettrica ai muscoli cervicali .

Brandt e Bronstein [ 25 ] hanno proposto un meccanismo in cui le modificate caratteristiche di cottura dei recettori somatosensoriali cervicali dovute al dolore al collo portano a una discrepanza sensoriale tra input vestibolare e cervicale, con conseguente vertigine cervicale.

Diversi autori hanno proposto interventi di terapia manuale osteopatica per il trattamento delle vertigini di origine cervicale.

 In effetti, è stato suggerito che la gestione del capogiro cervicogenico dovrebbe essere la stessa del dolore cervicale.

 In una revisione sistematica della letteratura, Reid e Rivett hanno concluso che esistono prove a supporto del trattamento terapeutico manuale delle capogiri cervicogeniche.

L’osteopatia è capace di capire l’origine del problema e di migliorarlo.

Terapia manuale con e senza riabilitazione vestibolare per capogiri cervicogenici: una revisione sistematica, Reidar P Lystad, Gregory Bell , Martin Bonnevie-Svendsen e Catherine V Carter, Chiropratica e terapie manuali 2011 19 : 21

By | 2019-06-29T15:45:12+00:00 Giugno 29th, 2019|Uncategorized|0 Comments

Leave A Comment