Il mal di testa o cefalea in termini medici, è un dolore che proviene dall’interno del capo o dalla parte superiore del collo.

Le cause e le origini sono innumerevoli e molto soggettive ma proverò a spiegarne qualcuna.

In questa zona sono tirati in causa il periostio del cranio,i muscoli, i nervi, le arterie e le vene, i tessuti sottocutanei, gli occhi, le orecchie, i seni paranasali e le mucose ed esistono due tipi di cefalee.

La cefalea primaria è di origine genetica e si attiva attraverso cause dell’organismo interno e fattori scatenanti esterni .

La cefalea secondaria invece ha origine da sintomi aspecifici che possono associarsi a una serie di diverse condizioni determinati da molteplici cause.

Ma le cefalee possono essere anche di origine cervicale.

LA CEFALEA CERVICOGENICA

A differenza delle cefalee soprastanti, la cefalea cervicogenica sorge da cause ben precise.

Sono di origine cronica e generalmente provengono da problemi di tipo posturale o da strutture osteomioarticolari della regione cervicale.

Ne soffrono più le donne che gli uomini e rappresentano il 15-20% di tutti i mal di testa benigni.

Il dolore che ne provoca parte dal collo e si espande nell’area oculo-fronto-temporale omolaterale.

I movimenti attivi e passivi incidono equamente allo squilibrio posturale del collo e spesso sono collegati anche a problemi e dolori alle articolazioni temporomandibolari.

Cefalea cervicogenica da disturbo doloroso intervertebrale minore (DDIM) di C2-C3

LA CEFALEA MIO TENSIVA

La cefalea mio tensiva è la più frequente e colpisce una gran fetta di persone soprattutto tra i 40 e 50 anni.

Il dolore è forte ed è paragonabile a una compressione che spesso porta ad un aumento del tono dei muscoli e del capo/nuca ma anche a tensione nel collo e nelle spalle.

Il dolore può durare giorni od ore e la causa principale può essere lo stress o tensioni emotive.

COSA FARE QUANDO SI HA MAL DI TESTA

Rivolgersi a un medico è il primo passo giusto da fare  ma non è detto che vi porti alla soluzione.

Egli vi somministrerà una cura medicinale e/o forse una terapia manuale.

Le medicine spesso  non risolvono il problema, lo annientano momentaneamente mentre una cura manuale come quella osteopatica potrebbe determinare  un sensibile miglioramento dei sintomi ed in alcuni casi anche la guarigione completa.

Il trattamento osteopatico aiuta l’organismo a ripristinare una corretta omeostasi correggendo le disfunzioni somatiche che alterano il funzionamento e restituiscono all’individuo il suo equilibrio organico.

Osteopata Milano

Giorgio Germano

+39 3314229923

Corso Buenos Aires 64, 20100 Milano